IMQ GROUP BLOGZINE | Per una vita di qualità, sicurezza & innovazione.

Barriere stradali sempre più tecnologiche per innalzare la sicurezza degli utenti

184
184

È stata testata dai tecnici CSI (società del Gruppo IMQ) presso la pista del laboratorio di Bollate, la nuova barriera ANAS.

Il test, eseguito a Bollate presso la pista di CSI (Società del Gruppo IMQ), ha comportato il lancio di un mezzo pesante di 38 tonnellate ad una velocità di 65 km/h con un angolo di impatto di 20, e il lancio di un veicolo leggero (900 kg) ad una velocità di 100 km/h sempre con 20 di angolo d’impatto. Tutte le prove, propedeutiche all’ottenimento della marcatura CE, sono state superate con successo.

La novità di questa nuova barriera, denominata National Dynamic Barrier Anas (NDBA), è il ‘W2’, la larghezza operativa (il massimo spostamento della barriera in caso di urto) ottenuta con le prove di crash test. A seguito della suddetta prova, preso atto dei danni esigui riportati dalla barriera e dal mezzo pesante, Anas ha deciso di effettuare una prova unica nel suo genere, ossia rilanciare un altro mezzo di 38 tonnellate sulla stessa barriera incidentata. Aver superato brillantemente anche questa prova, ottenendo sempre un ‘W2’, significa poter disporre di una barriera in grado di resistere a due eventi incidentali contemporanei o immediatamente successivi, ipotesi che, seppur caratterizzata da un basso grado di probabilità, risulta pur sempre possibile.

“Lo studio e la messa a punto di questa barriera – ha dichiarato l’Amministratore delegato di Anas Massimo Simonini – nasce dalla necessità di Anas di continuare il processo di ricerca e sviluppo per completare la gamma di barriere rendendole sempre più performanti e rispondenti alle esigenze della nostra rete stradale e autostradale. L’obiettivo – ha aggiunto – è innalzare i livelli di sicurezza degli utenti, riducendo anche i costi di installazione e la manutenzione dell’infrastruttura. L’esito positivo del crash test certifica che è un prodotto innovativo, unico, che permetterà di superare le tecnologie preesistenti, con anche una forte valenza commerciale sui mercati nazionali e internazionali”.

Categorie dell’articolo